Questionario di autovalutazione dell'Ecomuseo delle Grigne 2016

Centro di documentazione e informazione dell'Ecomuseo delle Grigne

Ecomuseo colori.jpg
Ecomuseo
Regolamento Marchio Beni culturali Patrimonio immateriale Patrimonio paesaggistico Centro Itinerari Sito


Il documento è in corso di revisione rispetto al monitoraggio 2011 e in corso di compilazione


Monitoraggio degli ecomusei in Lombardia – anno 2016
QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DEGLI ECOMUSEI
L. R. 12 LUGLIO 2007 N. 13
“Riconoscimento degli ecomusei per la valorizzazione della cultura e delle tradizioni locali ai fini ambientali, paesaggistici, culturali, turistici ed economici”
N.B. La compilazione del questionario di autovalutazione è obbligatoria ai fini del monitoraggio degli ecomuse
Monitoraggio dell'Ecomuseo delle Grigne 2016

Dati anagrafici dell’Ecomuseo

Denominazione dell’Ecomuseo: Ecomuseo delle Grigne
C.F./Part. IVA: nn
Indirizzo: Via Montefiori 19 - 23825 Esino Lario, LC
Tel. fisso 0341.860.111 (Comune di Esino Lario)
Fax 0341.860.374 (Comune di Esino Lario)
e-mail: ecomuseodellegrigne[at]gmail.com
Sito Web: http://www.ecomuseodellegrigne.it
Referente da contattare
Dott.ssa Ph.D. Iolanda Pensa
Referente dell'Ecomuseo delle Grigne
Tel. 3356553633
Email: io (at) pensa.it

Costituzione dell’Ecomuseo

  • Chi ha costituito l’Ecomuseo?
    • (X) Ente locale in forma singola
    • ( ) Enti locali in forma associata
    • ( ) Associazioni
    • ( ) Fondazioni
    • ( ) Istituzioni di carattere privato senza scopo di lucro
    • ( ) Altro - specificare (max 50 caratteri)
  • Indicare i soggetti che hanno costituito l’Ecomuseo: Comune di Esino Lario
  • (Non sussiste, è ente pubblico) Se costituito da Associazioni, Fondazioni o Istituzioni di carattere privato senza scopo di lucro, questi hanno tra gli oggetti statutari le finalità di cui all’art. 1 della l. r. 13/2007?

Legale rappresentante dell’Ecomuseo

Ing. Pietro Pensa
Sindaco del Comune di Esino Lario

Ente gestore dell’Ecomuseo

  • L’Ecomuseo è gestito in forma diretta dal soggetto che l’ha costituito? No.
  • Se la gestione non è in forma diretta, indicare il soggetto gestore:
    • ( ) Ente locale
    • (X) Associazione
    • ( ) Fondazione
    • ( ) Cooperativa
    • ( ) Istituzioni di carattere privato senza scopo di lucro
    • ( ) Altro - specificare (max 50 caratteri)

Dati anagrafici dell’ente gestore dell’Ecomuseo

Denominazione: Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus
Codice Fiscale 92033340131
Villa Clotilde - via Montefiori 19 - 23825 Esino Lario (LC)
Tel. fisso 0341.860.111 (Comune di Esino Lario)
email: associazione (at) museodellegrigne.it
Sito Web: http://www.museodellegrigne.it

Atto di affidamento dell’incarico di gestione dell’Ecomuseo

Tipologia dell’atto: Convenzione con l'Associazione Amici del Museo delle Grigne per la gestione del Museo e dell'Ecomuseo delle Grigne
numero
Data: 30/03/2015
Data di sottoscrizione incarico: 21/01/2016
Scadenza: 30/03/2018
Atti precedenti:
  • Deliberazione della Giunta Municipale di Esino Lario, Numero: 7; Data: 28/03/2009.
  • Deliberazione della Giunta Comunale, n. 29 , 14/07/2015.
  • Deliberazione della Giunta Comunale, n. 1, 21/01/2016.

Legale rappresentante dell’ente gestore dell’Ecomuseo

Carlo Maria Pensa, presidente dell'Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus
Referente da contattare: Carlo Maria Pensa

AMBITO I - STATUS GIURIDICO

Requisito minimo 1: ATTO ISTITUTIVO

  • Dalla data del riconoscimento sono intervenute modifiche o variazioni dell’atto istitutivo? No.
Deliberazione della Giunta Comunale, n. 19, 12/05/2008 Istituzione dell'Ecomuseo delle Grigne
Deliberazione della Giunta Municipale, n. 5, 28/03/2009 Ecomuseo delle Grigne - Integrazione all'atto istitutivo
  • La missione dell'ecomuseo non è stata modificata.
Come da regolamento, gli scopi, finalità e identità dell’Ecomuseo sono quelli previsti al punto 4 dell’art. 1 della Legge regionale n°13 del 12 luglio 2007, in particolare:
  1. il coinvolgimento e la partecipazione attiva della popolazione, poiché l’Ecomuseo delle Grigne nasce come istituzione che rappresenta le iniziative culturali e ambientali della comunità locale per la salvaguardia, per lo studio e per la valorizzazione del suo patrimonio materiale e immateriale;
  2. la ricostruzione e la documentazione delle trasformazioni sociali, economiche, culturali e ambientali storicamente vissute dalle comunità;
  3. la sensibilizzazione e la promozione dello sviluppo sostenibile delle comunità locali, delle istituzioni scolastiche, degli enti e associazioni locali;
  4. la valorizzazione del territorio e del suo patrimonio, di immobili caratteristici e storici, mobili ed attrezzi, strumenti di lavoro e ogni altro oggetto utile alla ricostruzione di ambienti di vita tradizionali;
  5. il rafforzamento di reti locali;
  6. creare occasioni di didattica, sport e svago;
  7. la predisposizione di percorsi naturalistici e culturali;
  8. la promozione e il sostegno delle attività di ricerca scientifica e didattico-educative riferite alla storia, all’arte, alle tradizioni locali e all’ambiente;
  9. lo studio, la rappresentazione e la tutela dei paesaggi tipici lombardi.

Requisito minimo 2: REGOLAMENTO

Regolamento dell'Ecomuseo delle Grigne
Tipologia dell’atto: Deliberazione del Consiglio Comunale di Esino Lario
Numero 8
Data 13/03/2009

Dalla data del rinascimento/ultimo monitoraggio sono intervenute modifiche o variazioni al regolamento? SI.

Modifica al regolamento per il funzionamento dell'Ecomuseo delle Grigne.
Tipologia dell’atto: Deliberazione del Consiglio Comunale di Esino Lario
Numero 44
Data 17/12/2015
Viene aggiunto all'Art. 2 il seguente comma "della sede dell'Ecomuseo delle Grigne fanno altresì parte l'edificio dell'ex Cinema e l'edificio del Nuovo Museo, per lo svolgimento delle proprie attività".

Il regolamento vigente individua i seguenti punti?

  • La missione, la specificità l’identità e le finalità previste dalla l.r. 13/2007, con particolare riferimento all’art. 1, quarto comma? Sì.
Art. 3.1. Gli scopi, finalità e identità dell’Ecomuseo sono quelli previsti al punto 4 dell’art. 1 della Legge regionale n°13 del 12 luglio 2007, in particolare:
  1. il coinvolgimento e la partecipazione attiva della popolazione, poiché l’Ecomuseo delle Grigne nasce come istituzione che rappresenta le iniziative culturali e ambientali della comunità locale per la salvaguardia, per lo studio e per la valorizzazione del suo patrimonio materiale e immateriale;
  2. la ricostruzione e la documentazione delle trasformazioni sociali, economiche, culturali e ambientali storicamente vissute dalle comunità;
  3. la sensibilizzazione e la promozione dello sviluppo sostenibile delle comunità locali, delle istituzioni scolastiche, degli enti e associazioni locali;
  4. la valorizzazione del territorio e del suo patrimonio, di immobili caratteristici e storici, mobili ed attrezzi, strumenti di lavoro e ogni altro oggetto utile alla ricostruzione di ambienti di vita tradizionali;
  5. il rafforzamento di reti locali;
  6. creare occasioni di didattica, sport e svago;
  7. la predisposizione di percorsi naturalistici e culturali;
  8. la promozione e il sostegno delle attività di ricerca scientifica e didattico-educative riferite alla storia, all’arte, alle tradizioni locali e all’ambiente;
  9. lo studio, la rappresentazione e la tutela dei paesaggi tipici lombardi.
  • la struttura che gestisce amministrativamente, culturalmente e scientificamente l’Ecomuseo e le modalità di funzionamento? Sì.
Art. 4.1. L’Ecomuseo è dotato di una propria gestione amministrativa, culturale e scientifica svolta tramite affidamento all’Ente gestore e tramite incarichi a consulenti specializzati da parte del Comune di Esino Lario.
Art. 6.2. L’Ente gestore svolge le seguenti funzioni: 1. proporre alla Giunta del Comune gli indirizzi generali di politica culturale dell’Ecomuseo tramite i quali tradurre operativamente le finalità di cui all’articolo 3; 2. proporre le modalità di impiego dei contributi; 3. proporre alla Giunta e definire in accordo con essa il programma annuale delle attività e gli orari di apertura al pubblico; 4. favorire le aggregazioni a tutti i livelli all’interno del territorio ecomuseale; 5. definire un bilancio di previsione compatibile con le risorse effettivamente disponibili; 6. provvedere all’attività ecomuseale, culturale, scientifica, didattica e formativa. L’attività di documentazione sarà realizzata in collaborazione con l’Archivio di Etnografia e Storia Sociale (AESS) di Regione Lombardia, attraverso apposita convenzione, e con altre strutture scientifiche; tale documentazione dovrà essere realizzata secondo gli standard e sarà promossa a livello regionale e nazionale; 7. organizzare mostre e visite al patrimonio artistico di altre località, agli altri ecomusei presenti sul territorio europeo e mondiale, promuovere e pubblicare studi riguardanti la storia, le tradizioni, il dialetto ed il folklore locali; 8. promuovere ed incrementare la collaborazione con le scuole del territorio lombardo ed eventualmente con gli istituti universitari e loro centri studi; 9. stringere rapporti di collaborazione e di collegamento con istituti museali ed ecomuseali operanti sul territorio regionale, nazionale ed estero; 10. coinvolgere le associazioni locali, di volontariato e la popolazione nelle attività promosse dall’ecomuseo; 11. favorire e sviluppare la rete ecomuseale lombarda, nazionale ed internazionale degli Ecomusei; 12. nominare un rappresentante all’interno del Comitato tecnico/scientifico di partecipazione. Tutte le attività potranno essere anche non svolte direttamente dall’Ente gestore, ma effettuate tramite esternalizzazione dei servizi o attività. Il funzionamento dovrà essere improntato allo sviluppo ecomuseale tramite il coinvolgimento attivo della comunità locale, delle Associazioni e delle attività economiche.
  • le modalità di reperimento delle risorse finanziarie, strumentali e umane? Sì.
Art 4.2. L’Ecomuseo gode di un proprio assetto finanziario che è gestito dal Comune di Esino Lario. Le risorse finanziarie necessarie allo svolgimento delle attività dell’Ecomuseo per la gestione, manutenzione e sviluppo derivano da: 1. contributi del bilancio comunale, dalla Regione Lombardia, dalla Provincia di Lecco, del Parco Regionale della Grigna Settentrionale, della Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera e di altri enti pubblici; 2. contributi da parte di Fondazioni bancarie quali la Fondazione Cariplo; 3. quote, contributi e lasciti da privati cittadini, enti giuridici di natura privata e/o pubblica; 4. attività svolte di vendita proprie pubblicazioni, gadgets, accompagnamento, ecc.
Art 8. Le risorse strumentali deriveranno principalmente dagli investimenti programmati di concerto con l’amministrazione locale ed il comitato tecnico/scientifico di partecipazione.
Art 8. L’ecomuseo per lo svolgimento del programma di base sopra evidenziato dovrà dotarsi di risorse umane, anche su base volontaria, reperite tra la popolazione locale e tra coloro che si dimostreranno maggiormente interessati al progetto ecomuseale. Inoltre le risorse umane saranno reperite collaborando in particolare con le Associazioni locali, i Centri studi ed Universitari.
  • le modalità di coinvolgimento della popolazione e degli altri soggetti operanti sul territorio che sono state attivate? Sì.
Art 9. L’ecomuseo dovrà impegnarsi al massimo per coinvolgere nelle proprie attività la popolazione locale incentivandone la partecipazione, attraverso iniziative, riunioni, forum e manifestazioni mirate. Collaborerà con tutte le realtà operanti sul territorio (culturali, religiose, sportive, sociali, musicali, centro biblioteca, ecc.) e dei comuni limitrofi al fine di consolidare ed incrementare la realtà ecomuseale. Allo stesso modo organizzerà eventi e promozioni che valorizzino le realtà economiche interessate ad uno sviluppo ecomuseale in modo da favorire lo sviluppo locale sostenibile ai fini del rilancio socio/economico e turistico/culturale.

Requisito minimo 3: SEDE

Villa Clotilde la sede dell'ecomuseo a Esino Lario in Provincia di Lecco
  • La sede dell’Ecomuseo è:
    • ( ) di proprietà dell’Ecomuseo
    • (X) di altra proprietà

Se di altra proprietà:

  • ( ) contratto di locazione
  • ( ) comodato
  • () convenzione ( )
  • altro - specificare (max 50 caratteri): Proprietà del Comune di Esino Lario
  • Precisare il termine del contratto: Protocollo d'intesa triennale rinnovabile con l'Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus. Struttura affidata con deliberazione di Giunta.
  • Note (max 100 caratteri)

Regolamento Ecomuseo delle Grigne Artt 2 e 6.1

Requisito minimo 4: DENOMINAZIONE E MARCHIO

Il marchio dell'Ecomuseo delle Grigne

Allegare il marchio e indicare se ha subito modifiche dalla data del riconoscimento. Non ha subito modifiche.

Marchio dell'Ecomuseo delle Grigne (ALLEGATO 3)
Il marchio è un simbolo e un log intelligente che coordina la comunicazione dell’ecomuseo e veicola un contenuto. Ogni associazione, ente locale, archivio, museo, sito ambientale, operatore turistico, realtà produttiva è associata al marchio che racchiude l’indirizzo internet http//www.ecomuseodellegrigne.it o una sottopagina specifica. Il marchio è realizzato con QR code, una tecnologia che rende leggibile con un telefono cellulare l’immagine a pixel bianchi e neri. Per comunicare l'iniziativa a misura di bambino realizzate nell'ambito di Esino Lario a misura di bambino, il marchio dell'ecomuseo è stato affiancato da il logo "a misura di bambino".

Indicare l’indirizzo web del sito dedicato:

http://www.ecomuseodellegrigne.it

Indicare il referente/gestore del sito web:

Iolanda Pensa
Professione: Ricercatore

AMBITO II – AREA TERRITORIALE E PATRIMONIO

Requisito minimo 5: AREA TERRITORIALE

Cartografia dell'ecomuseo
  • Descrivere sinteticamente l’area territoriale di riferimento e indicare se sono intervenute modifiche dalla data del riconoscimento (max 1000 caratteri)
Il territorio dell’Ecomuseo delle Grigne coincide con il territorio comunale di Esino Lario, con la conca di Esino Lario e il versante Settentrionale della Grigna, o Moncodeno. Si tratta di un territorio quindi appartenente ad un solo comune collocato in Provincia di Lecco ed immerso interamente nel Parco regionale della Grigna Settentrionale tra Lago di Como e Valsassina.

L’isolamento ha influenzato i costumi e l’economia della Comunità. Il paese nel corso dei secoli si è caratterizzato dal dualismo tra Esino Superiore ed Esino Inferiore e da quello tra autarchia e connessioni. Le coltivazioni, la presenza di boschi e l’allevamento davano il necessario. La strada romana da Lierna fino a Esino che poi scende al castello di Vezio e prosegue per il nord Europa ha permesso il contatto con l’Europa. Isolamento e autarchia hanno fatto di Esino Lario un mondo autonomo e ne esaltano le diversità rispetto ad altre aree montane. Ancora oggi il senso di appartenenza al territorio, ma anche il turismo e le migrazioni nutrono dinamiche tra autarchia e connessioni. Queste caratteristiche fanno del territorio dell’Ecomuseo delle Grigne una piccola realtà peculiare e ne esaltano le diversità rispetto ad altre aree montane.

Cartografia con la perimetrazione del territorio dell’Ecomuseo
  • Indicare se vi sono ipotesi di modifica/ allargamento del territorio di riferimento (max 500 caratteri).
No. Al memento non è previsto di modificare o allargare il territorio di riferimento, per quanto fin dalla sua costituzione l'Ecomuseo delle Grigne prevede la possibilità di coinvolgere nuovi comuni.
  • Quali sono le criticità che sono emerse sul territorio di riferimento e che hanno avuto riflessi sull’attività dell’ecomuseo? (max 1000 caratteri)
Il territorio dell'Ecomuseo delle Grigne è molto isolato. Questa caratteristica di isolamento insieme alla scarsità di mezzi pubblici rende critico il coinvolgimento di un più ampio pubblico in particolare nelle attività culturali dell'ecomuseo; il pubblico di queste attività è essenzialmente un pubblico di residenti, villeggianti e di persone che arrivano dai paesi molto limitrofi (Colico-Lecco e Valsassina); le attività naturalistiche interessano un pubblico più ampio dalla Brianza e Milano (Milano è a circa un'ora e mezza-due ore da Esino Lario). Nonostante la sua collocazione, siamo riusciti ad ottenere che Esino Lario ospitasse nel 2016 Wikimania, il raduno mondiale di Wikipedia; l'evento è stato gestito senza problemi nonostante la grandissima complessità della gestione dei trasporti dagli aeroporti, l'ampliamento del servizio di trasporto pubblico e la gestione di parcheggi e flussi.

Requisito minimo 6: PATRIMONIO

  • Descrivere sinteticamente i beni culturali, il patrimonio culturale immateriale e paesaggistico che l’Ecomuseo ha individuato perché venga salvaguardato e valorizzato 
(max 1000 caratteri)
Collezione di minerali, fossili, reperti archeologici, beni demoetnoantropologici, arazzi. Documenti degli enti coinvolti. Via Crucis dello scultore Vedani. Baitelli e rifugi, torri, siti archeologici e fortificazioni.
Memoria delle vittime della montagna e dei nascondigli di partigiani e di uomini in fuga. Tradizionale suddivisione in boschi focolari e comunali. Sistemi di eredità e gestione dei boschi e toponomastica. Festività, costumi, storie per le festività e per bambini. Tessitura, migrazioni. Dualismo tra Esino Superiore e Inferiore. Le figure dell’Abate Stoppani, Don Rocca, Pietro Pensa, Michele Vedani. Storia associativa e di volontariato. Storia e tradizioni economiche.

Conca di Esino Lario con frazioni, mulattiere, sentieri. Passi, versante nord del Frignone. Alpe di Esino Lario. Ghiacciaia del Moncodeno. Grotte, doline, porte e lunelle. Trovanti della diga. Boschi di faggio e di corpino. Aiàl e poiat. Calchere. Flora, fauna e paesaggi del parco.

Beni culturali dell'Ecomuseo delle Grigne
Patrimonio immateriale dell'Ecomuseo delle Grigne
Patrimonio paesaggistico dell'Ecomuseo delle Grigne
  • Descrivere brevemente se l’inventario del patrimonio è stato realizzato in modo partecipato e con quale metodo (mappa di comunità, ecc.)
(max 1000 caratteri)
L'inventario è stato redatto da Carlo Maria Pensa sulla base delle sue conoscenze e di una serie di pubblicazioni e documenti del Museo delle Grigne precedenti la creazione dell'ecomuseo. L'inventario del patrimonio è poi stato oggetto di una serie di iniziative, conferenze (in particolare realizzate nell'ambito del programma annuale delle conferenze culturali dell'Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus), laboratori partecipativi (in particolare Il gatto curioso, Simply in a Box, Laboratorio di immaginazione e narrazione attorno a un monumento, Laboratorio-gioco su viabilità e curve di livello) e opere d'arte e design (Animagus, Curve di livello e viabilità a Esino Lario, TOI-Things of Internet per Vestire i paesaggi).
  • Indicare le azioni intraprese, dall’ecomuseo o da altri enti del territorio, per salvaguardare e valorizzare tale patrimonio e indicare con quali fondi sono state realizzate (max 1000 caratteri)
Oltre al restauro di alcuni reperti archeologici del Museo delle Grigne e il suo nuovo allestimento, l'Ecomuseo delle Grigne ha realizzato numerosi interventi di riqualificazione e potenziamento dell'accessibilità di edifici esistenti che sono destinati all'uso pubblico. Gli interventi sono stati fatti in particolare in occasione di Wikimania Esino Lario in modo da rendere pienamente adeguati gli edifici che vengono utilizzati per attività associative e di volontariato (tradizione associativa e di volontariato sono aperte del nostro patrimonio immateriale). Sono stati anche sistemati parchi gioco come punto di partenza per itinerari paesaggistici, e realizzate opere d'arte, pubblicazioni e ricerche. L'Ecomuseo delle Grigne utilizza inoltre Wikipedia, i progetti Wikimedia, OpenStreetMap e le licenze libere in modo pionieristico per valorizzare il suo patrimonio e coinvolgere un più ampio pubblico nella produzione di documentazione e nel suo accesso (copyright - cc by-sa).
  • Indicare se sono stati realizzati dei percorsi culturali e quali impatti hanno avuto.
Sì. Sono stati realizzati numerosissimi percorsi culturali utilizzando diversi strumenti: piccoli libricini realizzati con TOI.Things of Internet, itinerari descritti sul calendario annuale, tappe a misura di bambino per passeggiate, itinerari pensati per bambini, itinerari con autoguide (opera d'arte della Wargurghiana). Tutti questi itinerari hanno prodotto opere d'arte e di design innovative, hanno migliorato la conoscenza del territorio e la sua fruibilità e sono stati uno strumento di interpretazione e sperimentazione. Usare il calendario per proporre nuovi itinerari è risultato particolarmente efficace perché permette di produrre annualmente nuovi contenuti e di distribuirli in modo piuttosto facile e sostenibile; nel 2017 abbiamo integrato la segnaletica territoriale al calendario.
Itinerari dell'Ecomuseo delle Grigne (ALLEGATO 4)

AMBITO III - RAPPORTI CON LA POPOLAZIONE E SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

Requisito minimo 7: RAPPORTI CON LA POPOLAZIONE

  • Con quali modalità la comunità locale viene adeguatamente informata delle iniziative dell’Ecomuseo? (max 1000 caratteri)
Il programma generale e delle singole attività è disponibile online, comunicato attraverso e-mail del Comune di Esino Lario e affisso/distribuito nella sede dell'Ecomuseo e presso gli esercenti partner usando le locandine e i volantini del programma degli eventi annuali. L'ecomuseo ha sviluppato per la sua comunicazione TOI-Things of Internet, una grafica coordinata e un sistema di template grafici. Sono stati prodotti pannelli, bacheche e segnaletica a terra. Gli eventi sono inoltre comunicati alla stampa locale.
  • Con quali modalità la comunità locale è coinvolta attivamente nelle iniziative dell’Ecomuseo (max 1000 caratteri)
Il coinvolgimento della popolazione avviene attraverso le numerosissime associazioni, istituzioni e aziende partner dell'Ecomuseo delle Grigne. In particolare la popolazione facilita la realizzazione delle attività attraverso il lavoro volontario, il sostegno economico e il contributo in servizi; partecipa agli eventi.
  • Descrivere le forme di partecipazione della comunità locale alla costruzione delle decisioni che riguardano l’ecomuseo
La partecipazione decisionale all'ecomuseo si basa essenzialmente su riunioni con rappresentanti delle associazioni locali. La Commissione Consultiva si svolge ogni anno in occasione dell'assemblea delle associazioni, è un evento aperto al pubblico e serve per programmare le attività annuali, raccogliere le adesioni per gestire nuovi eventi e iniziative, e sentire il parere delle associazioni su proposte nuove.
Breve relazione che precisi le forme concrete di partecipazione della comunità locale alla costruzione delle decisioni che riguardano l’Ecomuseo (ALLEGATO 5)
  • Indicare se sono emerse delle criticità nei rapporti con la popolazione.
La difficoltà continua dell'ecomuseo è spiegare che cos'è un ecomuseo, distinguendolo dal museo e dandogli una posizione funzionale capace di valorizzare la specificità delle associazioni del territorio e la comunità, senza assolutamente mettersi in concorrenza con loro o oscurarle.

GRADO DI PARTECIPAZIONE E COINVOLGIMENTO DELLA POPOLAZIONE

Requisito minimo 8: RAPPORTI CON GLI ENTI LOCALI

  • Elencare gli Enti Locali attivi nella gestione dell’ecomuseo o nella partecipazione diretta a progetti (max 500 caratteri)
Comune di Esino Lario, Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera
  • Specificare mediante quale strumento:
    • (X) partecipazione diretta all’organo di gestione. L'Ecomuseo delle Grigne è del Comune di Esino Lario e il sindaco del Comune di Esino Lario è il responsabile legale dell'Ecomuseo delle Grigne.
    • ( ) accordi
    • (X) convenzioni con Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera
    • ( ) altro - specificare (max 50 caratteri)
  • Nel caso di accordi, convenzioni o altro strumento, allegare gli atti
Convenzione con Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera. La Comunità Montana partecipa all'Ecomuseo con progetti per la costruzione di una rete della biodiversità, progetti di sviluppo integrato del turismo, studio di grotte e ghiacciaio del Moncodeno, messa in sicurezza sentieristica di accesso a cavità carsiche, tavole rotonde, pubblicazioni, convegni, mostre, incontri divulgativi e attività di educazione ambientale (ALLEGATO 6)
  • Indicare se sono emerse delle criticità nei rapporti con gli enti locali
Prosegue la collaborazione con la Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera in specifici progetti.

Requisito minimo 9: RAPPORTI CON ISTITUTI CULTURALI, EDUCATIVI E DI VOLONTARIATO

  • Elencare gli istituti culturali ed educativi, le associazioni e i gruppi di volontariato coinvolti nelle attività ecomuseali (max 500 caratteri)
Museo delle Grigne; Archivio Pietro Pensa; Parco Regionale della Grigna Settentrionale; CAI Val d’Esino, Sottosezione di Premana del Club Alpino Italiano; Gruppo Alpini Esino Lario dell’Associazione Nazionale Alpini; Sezione Cacciatori di Esino Lario; Gruppo Edelweiss, il Comitato “Presepe e Re Magi” e il Comitato “Come eravamo” di Esino Lario; Gruppo Antincendio di Esino Lario; Associazione Amici del Museo delle Grigne; Gruppo delle maestre di Esino Lario; Associazione Soccorso Val d’Esino.
  • Specificare mediante quali strumenti:
    • ( ) accordi
    • (X) convenzioni
    • ( ) altro - specificare (max 100 caratteri)
  • Descrivere sinteticamente le modalità di coinvolgimento (max 500 caratteri), e allegare gli atti che le documentano
Le Associazioni culturali e ambientali, insieme ai gruppi informali come quello delle maestre, il Parco Regionale della Grigna Settentrionale, il Museo delle Grigne, l’Archivio Pietro Pensa sono membri della Commissione Consultiva per lo sviluppo e la predisposizione del programma di attività dell'Ecomuseo delle Grigne: attività di conservazione, valorizzazione, ricerca, documentazione e promozione del legame con la montagna in tutte le sue forme e nello specifico dei beni immateriali, materiali e paesaggistici, con il coinvolgimento di volontari.
Museo delle Grigne
Archivio Pietro Pensa
Parco Regionale della Grigna Settentrionale
CAI Val d’Esino, Sottosezione di Premana del Club Alpino Italiano
Gruppo Alpini Esino Lario dell’Associazione Nazionale Alpini
Sezione Cacciatori di Esino Lario
Gruppo Edelweiss
il Comitato “Presepe e Re Magi” e il Comitato “Come eravamo” di Esino Lario
Gruppo Antincendio di Esino Lario
Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus
Gruppo delle maestre di Esino Lario
Associazione Soccorso Val d’Esino.

(ALLEGATO 7)

  • Indicare se sono emerse delle criticità nei rapporti con gli istituti culturali, educativi e di volontariato
Le associazioni, i gruppi e gli enti culturali dell'Ecomuseo delle Grigne sono veramente il braccio operativo dell'Ecomuseo delle Grigne, il sistema di coinvolgimento e attivazione della popolazione più efficace e storicamente sostenibile. La straordinaria capacità delle associazioni di coinvolgere persone e volontari si è vista in modo strabiliante durante Wikimania Esino Lario.

Requisito minimo 10: RAPPORTI CON LE REALTA’ ECONOMICHE LOCALI

Indicare con quali soggetti dedicati allo sviluppo socio-economico locale l’Ecomuseo si relaziona (max 500 caratteri). Le realtà economiche locali rendono noto il programma dell'Ecomuseo delle Grigne nelle loro sedi (ristoranti, bar, negozi, esercenti) e facilitano la realizzazione delle iniziative garantendo i loro servizi a condizioni agevolate o sostenendole economicamente (es. Wikimania Esino Lario, calendario con itinerari del territorio).

  • Gelateria Frutta e Verdura
  • Alimentari Bertarini Virginia
  • Panificio Pensa Pietro
  • Alimentari Viglienghi Nadia
  • El Hajji Mestour Mohammed
  • Ricevitoria Lotto Spini Lisa
  • Edicola
  • Bar La Sosta
  • Bar 58
  • Albergo ristorante Centrale
  • Albergo ristorante La Montanina
  • Albergo ristorante Rosa Delle Alpi
  • Albergo ristorante Cacciatori
  • Albergo La Lucciola
  • Impresa edile A.E.A.E.A., Banca Popolare di Sondrio.


Indicare se e in che modo l’ecomuseo ha contribuito allo sviluppo culturale, economico e sociale del territorio (max 500 caratteri)

Durante i mesi di preparazione di Wikimania Esino Lario è stato costituita nel territorio dell'ecomuseo la start-up LinkedData.Center da Enrico Fagnoni attivo nel contribuire all'organizzazione di Wikimania.
Ovviamente la conferenza Wikimania con le sue 1368 presenze ha attivato gli esercenti locali e i partecipanti hanno beneficiato dei loro menù convenzionati. La visibilità dell'evento ha inoltre promosso la visibilità turistica e la reputazione di Esino Lario a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

NOTE (max 500 caratteri)

AMBITO IV - ATTIVITA’, PERSONALE E SERVIZI

Requisito minimo 11: ATTIVITÀ REALIZZATE DIRETTAMENTE DALL’ECOMUSEO NEL PROPRIO TERRITORIO

  • SI L’Ecomuseo ha svolto direttamente attività ecomuseali nel proprio territorio dalla data formale di istituzione? Se sì. Indicare il tipo di attività svolte:
    • (X) attività di promozione culturale
    • (X) attività di studio
    • (X) attività ricerca
    • (X) altre attività (descrivere - max 100 caratteri):

Networking, committenza e produzione di opere d'arte, organizzazione di conferenze (Wikimania Esino Lario)

Allegare breve relazione sulle attività svolte dall’Ecomuseo indicando con quali fondi sono state realizzate (fondi nazionali, regionali, europei, ecc.) (max 1000 caratteri) (ALLEGATO 8)
Illustrare almeno un’attività/ un progetto significativo (di studio, ricerca, promozione culturale, ecc.) svolto dall’Ecomuseo per favorire/sviluppare l’attrattività, lo sviluppo sociale, ambientale ed economico del territorio e i risultati ottenuti. (indicare max 3 attività). Wikimania Esino Lario (ALLEGATO 9)

Requisito minimo 12: STRUTTURE E ATTIVITÀ

Indicare dove è localizzato il centro di documentazione e/o d’interpretazione, coordinamento e di informazione e descrivere le attività che vengono svolte (max 500 caratteri):

Il centro si trova a Villa Clotilde. È punto informazioni sul programma culturale e l'offerta turistica del territorio, spazio biblioteca, archivio, internet point.

Indicare l’orario di apertura: (max 200 caratteri): Stagionale. 2 ore la mattina tutto l'anno sabato mattina e in estate e durante le festività apertura tutti i giorni. Su appuntamento. Accesso Archivio Pietro Pensa vincolato dalla sovrintendenza.

    • modalità di comunicazione dell’orario di apertura:
      • (X) all’esterno della sede istituzionale
      • (X) all’esterno del centro di documentazione
      • (X) nelle sedi municipali
      • (X) presso gli uffici per il turismo
      • ( ) sulla stampa locale
      • (X) sul web
      • ( ) altro (max 100 caratteri):
    • servizi attivi:
      • (X) sportello informazioni
      • (X) centro informazioni per la visita dell’Ecomuseo
      • (X) prenotazione visite guidate
      • (X) sussidi informativi multimediali
      • (X) servizio di proiezioni audiovisive a integrazione della visita
      • (X) sito web
      • (X) altro (max 100 caratteri): Archivio storico e corrente, sede a misura di bambini

L'Ecomuseo è dotato di una biblioteca dedicata? Sì.

Fa parte dell'Ecomuseo delle Grigne la biblioteca specialistica dell'Archivio Pietro Pensa.
Biblioteca: 3000 vol. [1557-] monografie antiche e moderne, periodici, opuscoli, tesi di laurea. Archeologia, araldica, arte, dialettologia, etnografia, folklore, geologia, genealogia, storia, ambiente. Adda, Valtellina, Valsassina, Lario, Como, Lecco, Brianza. Materiale raro da antiquari. Foto: 3500 negativi, stampe, diapositive. Territorio di Valsassina e Lario, attrezzi di lavoro del ‘900, antichi mestieri, folklore. Audio-video: mestieri e tradizioni locali. Fondi Orlandi Guastella: materiale prodotto da due storici locali, appunti e lavori, trascrizioni di atti del fondo Notarile e Visconteo-Sforzesco dell’Archivio di Stato di Milano. Documenti antichi 170 pergamene: la maggior parte documentazione notarile. Famiglie nobili e notabili stanziatesi prima del XVI secolo a Lecco, Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino, Riviera orientale del Lario. Miniere di ferro in Valsassina; Esino; Introbio; Pasturo; famiglia Pensa; liti tra comunità. Fondo Sfondrati Serbelloni. Archivio dell'Ecomuseo e della Scuola di Arazzi.
  • Note (max 100 caratteri)

Sportello dell'Ecomuseo delle Grigne presso il Comune di Esino Lario, dal lunedì al venerdì 8.30-12.30

Requisito minimo 13: COORDINATORE

Indicare i dati del coordinatore dell’ecomuseo e del referente fra Ecomuseo e istituzioni:

Iolanda Pensa (nome completo Maria Iolanda Isabella Pensa)
via Rabolini 10
Milano
MI
20125
Tel. 3356553633
E-mail io(at)pensa.it

Indicare se il coordinatore è un volontario ed eventuale istituzione di appartenenza.

Il coordinatore è volontario ed è affiliato all'Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus.

Indicare i compiti assegnati al coordinatore dell’Ecomuseo (max 500 caratteri) e allegare l’atto di incarico e il curriculum (ALLEGATO 10)

Il coordinatore referente dell'Ecomuseo delle Grigne ha i seguenti compiti
  • Predisporre il programma annuale delle attività eseguite dall'Amministrazione Comunale da sottoporre all'Ente gestore
  • Coordinare le attività dell'ecomuseo assicurandosi della buona riuscita
  • di dare atto che il coordinatore/referente fa parte di diritto del Comitato tecnico scientifico di partecipazione.
La Deliberazione della Giunta Comunale, n. 04, 09/03/2011.
Conferma incarico Deliberazione della Giunta Comunale, n. 10, 11/02/2016.
  • Note (max 100 caratteri)

Requisito minimo 14: RISORSE UMANE

Indicare il personale di cui è dotato l’ecomuseo anche su base volontaria.

Dotazione di personale con rapporto di lavoro

  • Segreteria generale e coordinamento progetti, Lara Pensa, laurea, libero professionista.
  • Ragioniere istruttore, Pensa Debora, diploma secondaria superiore, dipendente tempo indeterminato del Comune di Esino Lario.
L'Ecomuseo delle Grigne si avvale all'interno dei suoi progetti della collaborazione di specialisti retribuiti che contribuiscono a svolgere attività di studio e conservazione, attività di comunicazione, formazione e gestione dell'ecomuseo.

Dotazione di personale volontario

Indicare se, per lo sviluppo delle attività sono stati coinvolti giovani (fino ai 35 anni), anche su base volontaria

Attualmente 97 studenti delle scuole superiori stanno facendo alternanza scuola lavoro su un progetto relativo a Wikipedia e afferente all'Ecomuseo delle Grigne.

Indicare se sono state attivate modalità di formazione per il personale (volontari e non) dell’ecomuseo

Formazione all'uso di licenze libere, Wikipedia e OpenStreetMap (mappature libere), corso di inglese organizzato in occasione di Wikimania Esino Lario, corso di informatica per ragazzi che diventeranno a loro volta formatori, giornata Youth Hackathon su ragazzi e tecnologia.
Una ricca programmazione di corsi di formazione è prevista per l'estate 2017.

Indicare se oltre al personale sopra indicato, l’Ecomuseo, in relazione alle varie attività, è dotato di referenti scientifici e operativi, anche su base volontaria

Deliberazione della giunta comunale, n. 11, 11/02/2016 (ALLEGATO 11).

AMBITO V - PROGRAMMA PLURIENNALE

Requisito minimo 15: PROGRAMMA PLURIENNALE

Indicare se l’ecomuseo ha aggiornato il programma pluriennale con l’inserimento delle attività e le risorse previste a bilancio e allegarlo.

Programma triennale Ecomuseo delle Grigne 2017-2019 (ALLEGATO 12)

Indicare se ci sono state delle criticità nella realizzazione del piano

L'Ecomuseo delle Grigne prosegue le sue attività con un approccio costante, focalizzato su un territorio a misura di bambino, un'attenzione alla tecnologia e alla produzione di progetti creativi e innovativi. La consistenza è un punto di forza nel programma che garantisce anche con risorse economiche limitate la fattibilità di iniziative. Sarebbe senza dubbio di aiuto conoscere su scala triennale i programmi di finanziamento pubblichi che possono contribuire alle attività dell'ecomuseo, in particolare per quanto concerne il mantenimento di strutture e la possibilità di coinvolgere personale per la gestione continuativa dei servizi.

NOTE (max 1000 caratteri)

Compilazione

Il compilatore Iolanda Pensa
tel. 3356553633
Email io(at)pensa.it
Data 21/04/2017.
Il legale rappresentante dell’Ecomuseo
Pietro Pensa, sindaco di Esino Lario.
Data

Articoli correlati