Reperti Archeologici del Museo delle Grigne

Centro di documentazione e informazione dell'Ecomuseo delle Grigne

Museo delle Grigne Fossili Minerali Reperti Archeologici Flora e Fauna Farfalle Vita e mestieri Storia del Territorio Sede storica Nuova sede Sito



La collezione archeologica del Museo delle Grigne comprende alcuni dei reperti ritrovati nel territorio della Val d’Esino: una tomba celtica (rinvenuta a Esino Superiore o Crès); il corredo funebre di una tomba romana (rinvenuta a Esino Inferiore o Psciach), armi ed attrezzi di vita quotidiana; monili e monete. Questi reperti testimoniano la diversa origine dei due nuclei abitativi di Esino Lario, Cres di origine celtica e Piasch romana; se di alcuni pezzi l’origine è chiaramente identificabile, altri sono difficilmente catalogabili, a testimonianza della completa fusione delle due culture nel territorio. Altri reperti archeologici del territorio sono conservati presso il Museo di Varese.

Inventario

Schede di tutti i reperti archeologici del Museo delle Grigne.

Ritrovamenti

Scheda Comune di Lecco: 129
  • Ritrovamento: Località Esino Inferiore "in un orto a nord-est dell'abitato" molto vicino alla proprietà Novati in via Dante 5. Nel 1913 furono rinvenute due tombe ad inumazione con ricchi corredi di oggetti, tra cui "una spada corta a punta", un coltello e una cuspide di lancia". Materiali non identificati. Gli oggetti potrebbero essere identificati nella spada antico La Tène piegata a L (senza n. inv.), il coltello A17 attribuibili alla cultura di Golasecca; da un punto di vista cronologico potrebbe essere associata ad essi la cuspide di lancia A29, che si discosta nella forma dalle numerose cuspidi di tipo La Tène più tardo. Tutti questi oggetti sono conservati al Museo di Esino Lario privi di indicazione di provenienza . Tuttavia, la notizia secondo cui le tombe di questa località erano a inumazione rende dubbia l'attribuzione degli oggetti suddescritti, poiché in questo territorio in età golasecchiana sono note solo sepolture a cremazione (cfr. scheda 140)
  • Datazione: Datazione imprecisabile.
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario.


Scheda Comune di Lecco: 130
  • Ritrovamento: Località Esino Inferiore, viale Adamello 34, proprietà Stucchi (ex-Confalonieri). 1936. Probabilmente durante i lavori di costruzione della casa furono trovate tombe "romane" da cui vennero raccolte due scuri in ferro.
  • Datazione: Età romana.
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 62039).

Bibliografia: Bertolone 1937-38, p. 69 ss, fig. 5; Pensa 1976, p. 129.

Scheda Comune di Lecco: 131
  • Ritrovamento: Località Esino inferiore, via Dante 5, proprietà Novati. 1936. Durante i lavori per la costruzione della casa furono rinvenute due tombe.
    • Tomba 1: ad inumazione, con struttura di ciottoli tenuti da malta e con copertura di lastre. Era a doppia deposizione. In una cameretta al lato della tomba vi erano tre monete di cui una di Costantino Magno e due di Costanzo II, due dadi di bronzo, un vasetto di pietra ollare, due spiedi in ferro e un'armilla di bronzo con estremità a testa di serpente. Fuori dalla tomba furono rinvenuti un piccolo vaso ed un frammento di catenella d'argento. Datazione: Prima metà IV secolo d.C. (Fortunati Zuccala)
    • Tomba 2: del corredo furono recuperate un'olpe in frammenti ed una scure in ferro. Datazione: Età romana.
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 62027-62037). Il piccolo vaso non è stato reperito.-
  • Bibliografia: Bertolone 1937-38, pp. 70-71; Berolone 1939, p. 233; Pensa 1976, p. 128.


Scheda Comune di Lecco: 132
  • Ritrovamento: Località Esino Superiore, proprietà Nasazzi. Anteriormente al 1937 fu rinvenuta casualmente una tomba a cremazione del cui corredo fu recuperato uno scalpello in ferro con innesto a cannone.
  • Datazione: La Tène D2 (seconda metà I secolo a.C.) e oltre (Casini-Frontini)
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 62041)
  • Bibliografia: Bertolone 1937-38, p. 71 ss., fig. 4.


Scheda Comune di Lecco: 133
  • Ritrovamento: Località Esino superiore, proprietà Barindelli. Anteriormente al 1937 fu rinvenuta una cuspide di lancia in ferro, probabilmente da un contesto funrario.
  • Datazione: Datazione imprecisabile, forse età preromana
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario. Non più identificabile tra le molte prive di indicazione di provenienza (cfr. scheda 140)
  • Bibliografia: Bertolone 1937-38, p. 71 ss.; Pensa 1976, p. 113.


Scheda Comune di Lecco: 134
  • Ritrovamento: Località Esino superiore, proprietà Acquistapace. Prima del 1937 furono rinvenute alcune tombe i cui corredi andarono in parte dispersi ed in parte mescolati. Furono recuperate
    • tre fibule in bronzo di cui una di tipo Ettlinger 30 ed una affine al tipo 34. Datazione: Prima metà I secolo d.C. (Fortunati Zuccala)
    • frammenti di un'armilla in filo di bronzo, un gomitolo di filo di bronzo avvolto a spirale, due perle di orecchino tubolari in bronzo ed un disco pure in bronzo. Datazione: Età gallica (Casino-Frontini)
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 62014-62020).
  • Bibliografia: Bertolone 1937-38, p. 71 ss., fig. 1-2.


Scheda Comune di Lecco: 135
  • Ritrovamento: Località Castello, presso la Chiesa Parrocchiale. Prima del 1937 furono rinvenuti dei materiali e chiavi in ferro da contesto incerto ed una tomba contenente un cucchiaio ed un'olla.
  • Datazione: Datazione imprecisabile, presumibilmente di età romana; la tomba di metà I secolo d.C. (Fortunati Zuccala)
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 62040-62043).
  • Bibliografia: Bertolone 1937-38, p. 72; Pensa 1976, p. 129.


Scheda Comune di Lecco: 136
  • Ritrovamento: Località Busso, presso un gruppo di baite sul sentiero Esino Agueglio, a nord-ovest del paese. Estate 1939 durante lavori agricoli furono rinvenute tombe in nuda terra, probabilmente in numero di tre. I corredi andarono in parte dispersi ed in parte rimescolati; i materiali risultarono appartenere a due distinti orizzonti cronologici.
    • Un'olla ovioide decorata ad unghiate, un boccale, tutti frammenti, e vari oggetti bronzei: due fibule a sanguisuga di tipo Lodigiano var. B, due fibule di tipo tardo-alpino var. C, due frammenti di fibule ad arco composto dipo Ca' Morta, un anello di fibula, un gomitolo di filo di bronzo, un anello ad antrelle, cinque anelli a globetti, un anello a globetti decorato ad occhi di dado. Datazione: Golasecca III A3 (prima metà IV secolo a.C.)
    • Quattro pendagli a secchiello decorati ad occhio di dado, sette pendagli a stivaletto di tipo E e una perla bitroncoconica di orecchino risultarono cronologicamente posteriori ai precedenti materiali. Una vaso cilindrico, una ciotola ed una patera post. Un caso cilindrico pertinenti a questo ritrovamento, poiché si conservano insieme ai frammenti di boccale; non risultano tuttavia citati nella relazione del Bertolone. Datazione: La Tène B1 (seconda metà IV secolo a.C.)
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 61965-62013)
  • Bibliografia: M. Bertolone, Bronzi preromani di Esino Lario, in Rac. f. 121-122, 1939, p. 133 ss.; Peroni et Al., La cronologia delle civiltà di Este e Golasecca, Firenze, 1975, p. 344; Pensa 1976, p. 114; Casini 1983, p. 115 ss., tavv. VI:21-24, VII-IX.


Scheda Comune di Lecco: 137
  • Ritrovamento: Viale Montefiori 24, proprietà G. Maffei. Dicembre 1950-51 durante i lavori di cava di sabbia furono rinvenute tre tombe a cremazione di cui viene riferito che soltanto due risultano con corredo. Le strutture erano a cassetta di lastre di pietra. I corredi non furono tenuti distinti, ma i materiali recuperati sembrano appartenere a tre distinti orizzonti cronologici.
    • Una ciotola troncoconica ed un frammento di un'altra, un vaso a trottola decorati a fasce piene orizzontali, di colore bruno, intercalate da piccoli trattini, un vasetto porta-uovo. Gli oggetti in ferro sono: una cesoia, una cuspide di lancia a foglia di lauro, una spada con parti in fodero, un umbone ad alette, un rasoio, una fibula a molla bilaterale. Datazione: La Tène C/D (seconda metà II secolo a.C.) (De Martinis)
    • Un vaso a trottola a spigolo appena accennato, decorato a fasce orizzontali intercalate da una linea a zig-zag e alcuni oggetti in ferro: una lunga spada con punta arrotondata, una cesoia frammentata con molla ad anello, probabilmente un coltello a dorso dritto, una cuspide di lancia e una verghetta. Datazione: La Tène D1 (prima metà I secolo a.C.) (Casini-Frontini)
    • Un'olpe a corpo piriforme. Datazione: I-II secolo d.C. (Fortunati Zuccala)
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario (St. 61954-61964; 62021-62026)
  • Bibliografia: Bertolone 1954, pp. 17-22; C. Storti-E. Mariani, Esame tecnologico della spada tipo La Tène III di Esino Lario, in Origines: Raccolta di studi in onore di Monsignor Baserga, Como, 1954, pp. 145 ss.; Pensa 1976, p. 114; De Marinis 1986, p. 131 ss., tav. XXI.


Scheda Comune di Lecco: 138
  • Ritrovamento: Località Esino Inferiore, probabilmente proprietà Novati. 1970 in circostanze imprecisate furono rinvenute tre tombe di cui una contenente una scure in ferro e altre due materiali vari tra cui un'armilla con estremità a testa di serpe.
  • Datazione: Età tardo-romana.
  • Collocazione: Materiali dispersi (la scure potrebbe essere identificata con una conservata, priva di indicazione di provenienza, presso il Museo delle Grigne di Esino Lario, databile al LT D-età Augustea)
  • Bibliografia: Pensa 1976, p. 129.


Scheda Comune di Lecco: 139
  • Ritrovamento: Località Ortanella, Chiesuola di S. Pietro. Fu rinvenuta in data imprecisata, probabilmente in superficie, una moneta d'argento.
  • Datazione: Età altomedievale.
  • Collocazione: Museo delle Grigne di Esino Lario
  • Bibliografia: dati museali.


Scheda Comune di Lecco: 140
  • Ritrovamento: Località ignote. Sono conservati presso il Museo delle Grigne di Esino Lario alcuni oggetti in ferro di cui non si conosce l'esatta località di provenienza, anche se sicuramente sono stati rinvenuti a Esino Lario. Si tratta di:
    • Una spada frammentaria. Datazione: Antico La Tène (metà V-metà IV secolo a.C.) (Casini)
    • Una spada piegata a L, un coltello e una cuspide di lancia che potrebbero essere riferiti al ritrovamento scheda 129 del Comune di Lecco. Datazione: Antico La Tène (metà V-metà IV secolo a.C.) (Casini)
    • Una fibula in bronzo affine alla Helmkopffibeln. Datazione: La Tène C (seconda metà III - prima metà II secolo a.C.) (Casini-Frontini).
    • Una spada frammentaria, tre cuspidi di lanci, tre cesoie, di cui una sola integra. Datazione: La Tène C e D (II-I secoli a.C.) (Casini-Frontini).


Galleria di immagini


Bibliografia

Articoli correlati