Laboratorio Simply in a Box 2011

Centro di documentazione e informazione dell'Ecomuseo delle Grigne

Pergamene Documenti antichi Documenti di studio Selezioni tematiche Fondo librario Microfilm Fondo fotografico Opere d'arte Pietro Pensa Sito

Impossible Sites dans la rue, Simply in a Box 2011, Primaluna 21.5.2011

Simply in a box? Percorsi urbani e sentieri personali, alla ricerca di territori emotivi è un laboratorio di fotografia stenopeica per bambini e adulti, dagli 8 anni in su, realizzato da Impossible Sites dans la rue, durante il programma 2011 di Vestire i paesaggi. I laboratori sono aperti e gratuiti previa iscrizione, per informazioni e per iscriversi inviare un email a amicigrigne@gmail.com. Le giornate organizzate all'interno delle scuole elementari sono riservate agli alunni.

Calendario

  • Sabato 7 maggio 2011 - 10:00-17:00 - Esino Lario
  • Sabato 21 maggio 2011 - 09:00-16:00 - Scuola elementare di Primaluna
  • Domenica 22 maggio 2011 - 10:00-17:00 - Brivio
  • Lunedì 23 maggio 2011 - 09:00-16:00 - Scuola elementare di Margno
Errore nella creazione della miniatura: Impossibile salvare la miniatura nella destinazione
2009, Dakar. In camera oscura con IMPOSSIBLE SITES dans la rue. CC-BY-SA courtesy IMPOSSIBLE SITES dans la rue

Presentazione del laboratorio

Simply in a box trasforma vecchie scatole di latta in macchine per la fotografia stenopeica e utilizza le immagini prodotte per l'indagine del territorio. Fornisce conoscenze sull'uso della macchina analogica, la costruzione e l'utilizzo del foro stenopeico, allestisce camere oscure temporanee e disegna mappe fotografiche.
Agisce attraverso dinamiche di gruppo e lo sviluppo di una collaboratività attiva da parte di tutti gli attori/autori coinvolti.
Restituisce un racconto del percorso svolto realizzando un'installazione collettiva delle immagini realizzate, con un allestimento su parete. I territori attraversati diventano quindi oggetto di una mappatura stenopeica, che restituisce una lettura dei paesaggi influenzata dalle trasformazioni dello spazio fisico/relazionale/emotivo.
I paesi e i loro vicoli, le piazze, il museo, la strada che ad esso conduce, diventano soggetto di un'osservazione creativa. Gli abitanti che ogni giorno danno respiro e colore allo spazio pubblico, diventano co-protagonisti di immagini fotografiche in dissolvenza, secondo le risonanze che ciascun partecipante ha dentro di sé.

Perché Simply in a box?

La fotografia stenopeica è un modo di fare immagini lento e sfocato, che permette di allargare i confini della percezione del contesto osservato: i tempi lunghi, la mancanza di un mirino, l'incertezza sul risultato ed il totale empirismo rendono vissuto ogni momento osservato. L'inedito rapporto che si instaura tra l'autore ed il soggetto inquadrato - senza alcuna spersonalizzante intermediazione tecnologica - diventa argomento centrale nella creazione del laboratorio urbano: un'opera d'arte pubblica, ideata dal collettivo Impossible Sites dans la rue. La fotografia ne è lo strumento, non l'obiettivo: è un semplice punto di partenza, sul quale ciascuno può costruire un percorso personale, creando un processo condiviso. Attraverso il foro stenopeico si guardano diversamente i luoghi normalmente vissuti; si sente come il tempo di posa da' forma alla realtà fotografata; si compie un processo di avvicinamento al territorio, scoprendone nuove scene e nuovi campi visivi. Attraverso il laboratorio urbano si innesca un processo di osservazione. L'opera del tempo di contemplazione è determinante nell'esperienza fotografica che, a queste condizioni, non si limita ad essere visiva, ma, fondendosi con l'esperienza empirico-creativa, diventa totale e porta alla scoperta di orizzonti possibili, fisici ed emotivi.


Ingredienti per la buona riuscita di un laboratorio urbano stenopeico x 4

Errore nella creazione della miniatura: Impossibile salvare la miniatura nella destinazione
2010, azione ed immagine stenopeica: IMPOSSIBLE SITES dans al rue a Marrakech. CC-BY-SA courtesy IMPOSSIBLE SITES dans la rue
  • vernice spray nera
  • nastro adesivo nero
  • scotch di carta
  • nastro biadesivo
  • forbici
  • 100 fogli 17,8x24 cm di carta fotografica
  • 0,50 cl di acido di sviluppo
  • 0,50 cl di acido di fissaggio
  • acqua
  • due caraffe graduate
  • un misurino
  • tre vasche di plastica
  • lampada rossa
  • lampadina
  • due portalampade
  • tre pinze di plastica
  • varie ed eventuali (puntine, martello, carta abrasiva, presa multipla, prolunga, filo, mollette, stoffa e tanta voglia di esplorare e sperimentarsi)


Impossible Sites dans la rue, Simply in a Box 2011, Esino Lario, 7.5.2011 Impossible Sites dans la rue, Simply in a Box 2011, Primaluna, 21.5.2011 Impossible Sites dans la rue, Simply in a Box 2011, Brivio, 22.5.2011 Impossible Sites dans la rue, Simply in a Box 2011, Margno, 23.5.2011


Errore nella creazione della miniatura: Impossibile salvare la miniatura nella destinazione
Errore nella creazione della miniatura: Impossibile salvare la miniatura nella destinazione


Materiale da scaricare


Rassegna stampa

Crediti

Simply in a Box 2011 è un laboratorio e opera ideata e realizzata da Impossible Sites dans la rue nell’ambito del progetto Vestire i paesaggi, promosso dall’Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus.

LoghiTOI orizzontali Vestire i paesaggi.jpg



Articoli correlati