Gli Statuti di Dervio

Centro di documentazione e informazione dell'Ecomuseo delle Grigne

Progetti conclusi Progetti in corso Vestire i paesaggi Wikimania

Statuti Dervio copertina.jpg

Il volume degli Statuti di Dervio è stato realizzato dall'Amministrazione Comunale di Dervio.

Statuto di Dervio. Anno 1389, a cura di Michele Casanova e Roberto Pozzi, ed. Bellavite, 2003, 304 pp., ISBN 88-7511-018-2

Il volume

Contenuti

  • Lo statuto
  • Il territorio
  • Gli abitanti
  • L'amministrazione
  • Una società violenta
  • La giustizia
  • La religione
  • Conclusione
  • Riferimenti e note
  • Statuto del Comune di Dervio anno 1389 (testo latino con traduzione a fronte)

Introduzione

Lo Statuto medievale del Comune di Dervio è molto più di una raccolta di norme e costituisce lo straordinario affresco della vita e della storia di un piccolo paese adagiato sulle rive del Lario, le cui regole di convivenza quotidiana, come quelle di tanti altri paesi europei, rimasero pressoché immutate dal Trecento al Settecento.

In un'epoca contraddistinta da una rapida evoluzione socio-economica è opportuno sottolineare il forte senso civico di questa piccola comunità che, riprendendo tradizioni giuridiche proprie e di comuni vicini, seppe adottare uno strumento democratico che diede forma stabile alla sua vita sociale per quattro secoli, cioè fino alla dominazione austriaca ed alla vigilia dell'era industriale, ma che in diverse parti si dimostra ancora attuale.

Non avremmo potuto realizzare questa pubblicazione senza l'eredità di studi precedenti e l'impegno degli appassionati esperti Michele Casanova e Roberto Pozzi, ai quali va tanta riconoscenza per un lavoro di ricerca eseguito con rigore non disgiunto da sagacia e puntiglio.

Basta esaminare qualche pagina del testo originale riprodotto nel volume per rendere pieno merito della complessità del lavoro di trascrizione, di traduzione e di commento storico.

L'ambizione dell'opera è di soddisfare l'interesse non solo degli studiosi ma anche di tutti coloro che, più numerosi di quanto non si creda, sono stati di incoraggiamento in questi anni nel percorso di ricerca storica promosso dall'Assessorato alla Cultura.

Progetto